Il bosco incantato e la spada nella roccia

311B6904

Il titolo dice tutto, nella prima parte del workshop ci immergeremo in un bosco unico nel suo genere, natura incontaminata e fantastica location per degli scatti memorabili. Imparerai ad usare la tecnica della lunga esposizione con il filtro ND ad alta densità e scoprirai tutti i segreti per migliorare la nitidezza di una immagine. Nel pomeriggio andremo alla scoperta del mistero della spada nella roccia all’interno dell’Abbazia di S.Galgano. Affronteremo le tecniche compositive con l’uso del grandangolo e la gestione della luce per realizzare scatti ad effetto all’interno della particolare struttura.

Domenica 6 Marzo 2016

Itinerario: Grosseto-Riserva Naturale Farma-San Galgano

Programma:

Ore 9.00 Ritrovo in Piazza Barzanti (o piazzale del circo) a Grosseto accanto all’edicola, registrazione dei partecipanti.

Ore 9.30 Partenza con i propri mezzi

Ore 10.00 Arrivo alla Riserva Naturale Farma e trekking fotografico nel bosco per arrivare ai Canaloni.

Ore 10.30 Arrivo ai Canaloni, breve introduzione sulla tecnica delle lunghe esposizioni e l’uso del cavalletto, scatti in libertà.

Ore 13 Pranzo al sacco.

Ore 14.00 Ritorno alle autovetture e destinazione San Galgano per la seconda parte del workshop.

Ore 14.30 Arrivo a San Galgano, breve introduzione sulla tecnica compositiva e sulla gestione della luce, scatti nell’ abbazia.

Ore 17 Fine workshop e ritorno.

Informazioni

Tel. 3396159477 – zanonilab@gmail.com

Il costo di partecipazione è di € 60 (più € 10 iscrizione tessera associativa).

Termine ultimo per le iscrizioni: venerdì 4 Marzo 2016

Il workshop è a numero chiuso per un massimo di 15 partecipanti.

La quota del workshop non comprende le spese di spostamento e il pranzo al sacco (a vostra completa organizzazione).

L’escursione non risulta particolarmente impegnativa ma prevede un abbigliamento adeguato al clima della stagione primaverile.

In relazione alle condizioni atmosferiche il programma potrebbe subire dei cambiamenti.

Attrezzatura fotografica consigliata

Ottiche 16-35, 24-70, 70-200, filtro ND, polarizzatore e cavalletto.

311B6936_1

IL BOSCO INCANTATO E LA SPADA NELLA ROCCIA

A pochi passi dal borgo medioevale di Torniella (frazione di Roccastrada), ben nascosto nel fitto bosco composto prevalentemente da vegetazione fluviale, si trova il massiccio granitico dei Canaloni.

Dopo un breve tratto a piedi, molto piacevole da percorrere, il rumore dello scorrere del fiume Farma ci guida verso la nostra meta. I Canaloni sono il risultato della forza dell’acqua che ha scolpito e levigato queste rocce di origine vulcanica tra le più antiche della Toscana, risalenti a circa 350 milioni di anni fa. I Canaloni, caratterizzati da cascate e tomboli, ci restituiscono un ambiente unico nel suo genere, ricco di colori e forme che solo la forza della natura può dare.

Il fiume Farma, che ricade all’interno del sistema delle Riserve Naturali della provincia di Grosseto, risulta molto importante dal punto di vista naturalistico per la qualità delle sue acque. In questo ambiente si segnala anche la presenza di esemplari di tritone alpestre e di una specie praticamente in via di estinzione quale la lontra. Lungo le rive trovano cibo e riparo nella vegetazione anche mammiferi come il gatto selvatico, la martora, la puzzola, il cinghiale ed il capriolo. In questo contesto, il bacino del fiume Farma, può essere definito ancora come un luogo selvaggio.

SAN GALGANO E LA SPADA NELLA ROCCIA

King Arthur’s (o Re Artù in italiano), tra mito e leggenda, tra sacro e profano. La storicità di Re Artù è stata a lungo dibattuta dagli studiosi, ma negli ultimi anni si è raggiunto un consenso unanime nel ritenere leggendaria la figura del sovrano. La storia recita che abbia origini Bretoni ma c’è chi sostiene che non sia mai esistito, altri ancora sostengono che sia nato in Toscana e poi espatriato in Francia. A noi non è noto saperlo e certamente non potremmo dare delle risposte a questo mistero ma la certezza è che visiteremo uno dei luoghi più misteriosi e ricchi di fascino della Toscana.

San Galgano, abbazia cistercense consacrata nel 1288, è una costruzione con pianta a croce latina composta da tre grandi navate, realizzata in onore di San Galgano, conosciuto anche come Galgano Guidotti, cavaliere vissuto in Toscana nel XII secolo. Dopo una vita di disordine e lussuria, Galgano scelse una vita da eremita convertendosi alla religione cattolica. Si narra che il cavaliere ebbe numerose visioni che contribuirono ad indicargli la via della conversione. In questo atto, sul Monte Siepi, Galgano ebbe la visione del creatore e non trovando legname per costruire una croce ne fece una conficcando la sua spada in una roccia. Iniziò così la sua vita da eremita, cibandosi esclusivamente di bacche ed erbe selvatiche e dormendo sopra giacigli spontanei. Durante un suo pellegrinaggio a Roma, alcuni monaci invidiosi cercarono di estrarre la spada conficcata nella roccia e non riuscendovi la ruppero. L’ira di Dio fu funesta, uno dei monaci cadde in un fiume ed annegò, un altro fu incenerito da un fulmine e l’ultimo, attaccato da un lupo, riuscì a salvarsi solo invocando il nome di Galgano. Il Santo, tornato da Roma, rimase addolorato per l’accaduto ritenendosi responsabile per aver lasciato incustodita la spada; Dio volle consolarlo e gli disse di ricomporre la spada riattaccandola al pezzo rotto. La spada si risaldò nuovamente e si ricostituì più forte di prima.

Una roccia, con una spada conficcata all’interno, è oggi esposta in una parte dell’abbazia di San Galgano e dà adito a questa fantastica leggenda.

IMG_5251_1

workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni workshop, fotografia, paesaggio, canaloni

 

2014 JamSession © All rights reserved.